Il Tiffany diamond ha fama mondiale ed è uno dei più grandi e celebri diamanti colorati esistenti.

Fu scoperto nel 1877 nelle miniere del Sudafrica e l’anno successivo venne acquistato dal gioielliere Charles Louis Tiffany per 18.000 dollari, che con questa acquisizione consolidò la sua fama di re dei diamanti. La pietra grezza pesava 287 carati e il compito di tagliarla fu affidato al giovane Frederick Kunz, che la studiò un anno intero prima di decidere per un taglio a cuscino con 90 sfaccettature, per ottimizzarne la brillantezza. Dopo il taglio, eseguito a Parigi, la pietra pesava 128 carati.

Il diamante giallo è stato indossato solo in tre occasioni. La prima nel 1957, in occasione del Tiffany Piuma Ball, un gala di beneficenza; la pietra fu montata su una collana di diamanti bianchi e indossato da Lady Mary Whitehouse. Nel 1961 fu indossato dall’iconica Audrey Hepburn in Colazione da Tiffany sulla  Schlumberger’s Ribbon.

L’ultima volta, la più recente, in occasione della notte degli Oscar del 2019 da Lady Gaga.

Per i 175 anni di eccellenza della Maison Tiffany nel 2012 è stata creata per il diamante una collana di ben 480 pietre.

Lo storico del gioiello Herbert Tillander definisce il diamante Tiffany la pietra “dal taglio brillante stellare” tanto è pura e luminosa.

Oggi è custodita nel meraviglioso “quartier generale” della Maison sulla quinta strada a New York e ne è ovviamente il simbolo.  Oggi si trova montata sul gioiello chiamato “l’uccello della rocca”.